home News Un corallo sintetico per eliminare i metalli pesanti

Un corallo sintetico per eliminare i metalli pesanti

Metalli tossici e pesanti assorbiti da un corallo sintetico

coralli-finti-620x350Un nuovo materiale, che mima la struttura e il potere assorbente del corallo, può aiutare gli oceani a liberarsi dai metalli tossici pesanti che vi si riversano a causa delle attività umane, soprattutto quelle industriali. A metterlo a punto, un gruppo di ricercatori della cinese Anhui Jianzhu University, che attraverso il loro lavoro puntano a togliere gli ioni di metalli come piombo, arsenico e specialmente mercurio dal mare. Quando il mercurio inquina l’acqua, viene assorbito da piante e animali, entrando quindi nella catena alimentare e finendo sulle nostre tavole nella forma di pesce tossico. Stando all’Oms, nelle popolazioni in cui la pesca è alla base della sussistenza, tra l’1,5 e il 17% dei bambini mostra impatti cognitivi dovuti all’ingestione di pesce contenente mercurio. Questo metallo viene assorbito anche, in modo efficiente, dai coralli, per i quali un quantitativo limitato può essere letale. Proprio prendendo spunto dai coralli gli esperti hanno creato delle nanopiastrine in ossido di alluminio, che assumono una struttura simile a quella del corallo e ne riproducono il potere assorbente. Testate in acqua contenente mercurio, le nanopiastrine hanno dimostrato una capacità di assorbimento 2 volte e mezzo superiore rispetto alle tradizionali nanoparticelle in ossido di alluminio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *