home Acque Interne, Carpfishing, Interviste Quali pesci si pescano a spinning in Cina?

Quali pesci si pescano a spinning in Cina?

Pubblichiamo di seguito la risposta alla domanda che ci ha posto l’utente Matteo Bellini: “Ciao, in questo momento sono in viaggio per lavoro in Cina, a Souzou nel SW nella zona dei grandi laghi, immancabilmente ho con me la mia attrezzatura da spinning, questo week andrò a provare a fare qualche lancio, volevo chiedervi cosa posso aspettarmi di trovare e se avete una tecnica particolare da consigliarmi. Grazie“. Ebbene, la zona a cui ti riferisci è caratterizzata da un buon numero di laghi che hanno svariate estensioni. Il più grande di questi è il Taihu Lake dove ogni anno si svolge un festival della pesca, un evento locale che chiama a raccolta gli abitanti dei paesi rivieraschi e non solo per un’usanza imperniata sulla pesca e sula gastronomia ittica. Come tutti i grandi bacini lacustri, anche il Taihu risulta essere estremamente dispersivo e da tele impegnabile con un’imbarcazione. Ad ovest di questo lago si trovano una serie di specchi più piccoli e fiumi con migliore accessibilità e tutti a distanze piuttosto ravvicinate che non comportano grandi perdite di tempo negli spostamenti. Le specie ittiche più diffuse in queste acque sono quelle ciprinicole, e similari, che hanno poco a che fare con i predatori eccezione fatta per una varietà di carpa molto combattiva, e che raggiunge anche taglie importanti, che una volta in canna risulta veramente impegnativa da portare a riva. Presenti in buona quantità anche i pesci gatto, ve ne sono di diverse specie e attaccano saltuariamente le esche artificiali poiché la migliore tecnica per pescarli è la classica pesca a fondo con le live baits. Per gli appassionati di spinning la preda sicuramente più interessante che puoi trovare in queste acque è lo Snakehead, uno dei pesci d’acqua dolce più aggressivi e combattivi in assoluto. La tecnica più spettacolare per insidiarlo è a top water con buzzbait e piccole rane munite di elica da recuperare molto velocemente sulla superficie dell’acqua; la maggiore efficacia si otterrà in acque non eccessivamente profonde poiché il rumore emesso dagli artificiali farà sollevare il predatore dal fondale per portare il suo attacco. Altrimenti, quando l’attività dello snakehead non si concentra in superficie, concentreremo la ricerca in strati d’acqua più profondi con robusti jerk dai vistosi colori meglio se dotati di rattle interni. Attenzione, con questo pesce non si scherza, pertanto trecciato da 40 libbre in bobina e soprattutto mai afferrarlo a mani nude vicino alla bocca, aiutati con un boga grip o un guadino per afferrarlo saldamente sul corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *