home CANNA DA RIVA, Interviste, Mare, News La pesca con canna da riva secondo Massimo Boerio

La pesca con canna da riva secondo Massimo Boerio

Massimo Boerio: il pescatore sportivo con canna da riva si racconta a newsfishing (gruppo Pesca TV)

In concomitanza con l’entrata nel vivo della stagione agonistica della pesca in mare con canna da riva noi di NewsFishing.it abbiamo voluto proporvi una nuova intervista esclusiva: quella che ho fatto al noto garista del settore canna da riva Massimo Boerio, tesserato per l’associazione Amo d’Oro di Torino.

 

Alessiani: Ciao Massimo, un parere da uno che come te è uno dei maggiori artefici dell’incredibile successo in termini di partecipazione dell’agonismo torinese nella specialità “canna da riva”, è graditissimo!

Boerio:  Per il ritorno alla vecchia formula non posso che essere pienamente d’accordo; Andare come l’anno scorso a Brindisi, specialmente per chi come noi di Torino, abita a più di mille km, per disputare una sola gara, era assurdo. Per il calendario gare, che dire, ho letto molti commenti positivi e questo un po’ mi fa piacere perché ebbi la fortuna di essere stato convocato alla prima riunione a Roma per l’impostazione generale dell’annata 2012; anche se a questo proposito mi pare giusto sottolineare che si sarebbe potuto scegliere una data più idonea per la disputa delle gare giovanili, che cadranno in periodo di apertura scolastica; spero che la federazione voglia correggere questa svista.

 

Alessiani: In particolare del regolamento dell’Eccellenza, cosa pensi Massimo?

Boerio:  Questo in effetti mi ha sorpreso, anche perché non è stata una richiesta fatta da nessuno degli agonisti intervenuti alla riunione; mi sorprende perché a questo punto non si tratta più di un campionato inteso nel senso classico, ma di una cosa ben diversa e che sicuramente favorisce gli agonisti finalisti di casa; non mi spiego questa scelta e bene farebbe la federazione a spiegarla!

 

I campi gara della pesca in mare da riva

Alessiani: Un tuo parere sulla scelta dei campi gara?

Boerio: Il campionato individuale si snoderà tra nord e sud e quindi direi che siamo a posto! Dobbiamo solo cominciare a divertirci con passione ed armonia;

 

Alessiani: Cosa pensi del ritorno di Genova nel giro dei campi gara nazionali? Bello tornare a veder “la diga” adornata da persone e relativa canna da pesca ?  Dopo la bella esperienza della finale di Coppa Italia dell’anno scorso, da voi splendidamente organizzata, mi sembra che anche quest’anno ci sia il tuo “zampino”!

Boerio: Finalmente la mitica diga di Genova torna alla ribalta nazionale! Questo è potuto accadere per alcuni motivi non casuali: innanzitutto si è trovata la soluzione al problema del faticoso trasporto dei concorrenti, noleggiando un grande battello che in soli 15 minuti trasborda tutti gli agonisti;di questo dobbiamo ringraziare Mario Gilardi, responsabile della canna da riva di Genova, e la società Amo d’Oro di Torino, che hanno iniziato ad utilizzare questo servizio per i campionati provinciali ed i trofei di Coppa Italia. Vista la buona riuscita della finale di Coppa Italia 2011, l’organizzazione delle prime due gare di Eccellenza era stata affidata in prima istanza a noi, ma poi giustamente la Fipsas di Genova si è fatta avanti e perciò abbiamo fatto volentieri un passo indietro. Rivendichiamo però una piccola fetta di merito per essere riusciti a riportare la “grande diga” nel circuito dei grandi campi gara.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *