home Acque Interne, News Divieto di pesca nelle acque interne della Provincia di Genova

Divieto di pesca nelle acque interne della Provincia di Genova

Divieto di pesca nelle acque interne della Provincia di Genova

PROVINCIA: Scatta il DIVIETO di PESCA. Per agevolare le operazioni di Ripopolamento la Provincia di Genova impone il DIVIETO di PESCA in tutte le acque interne dal tramonto di domenica 11 marzo 2012 sino alle 6.30 di sabato 17/03/2012. Le operazioni di semina saranno suddivise per tutti i giorni della settimana dal 13 marzo in poi, saranno immesse in totale 42 quintali di trote adulte (Fario e Iridee) nelle valli individuate del levante, ponente e nei laghi artificiali. Finalmente ci siamo, dopo giorni di attesa e mille polemiche da tutto il mondo dei pescatori fortemente delusi per l’apertura di fine febbraio senza pesce, la Provincia comunica con apposita delibera il programma di semina del pesce adulto per un totale di oltre 42 quintali tra Fario ed Iridee, che verranno immesse nei torrenti del ponente e levante tra martedì 13 e venerdì 16 marzo 2012. Per agevolare le operazioni di semina, l’Ufficio Pesca della Provincia ha istituito il DIVIETO di PESCA (temporaneo) dal tramonto (ore 19) di domenica 11/03/12 alle ore 6.30 di sabato 17/03/12, per tutte le acque interne di competenza alla gestione provinciale (affluenti compresi). Si precisa che il divieto di pesca interesserà anche l’intero tratto di Fiume Entella, foce compresa, ma che lo stesso tratto non subirà alcun ripopolamento perché ricadente nell’area SIC. Si precisa che restano esclusi dai ripopolamenti provinciali tutte le acque o tratti dati in gestione alle Associazioni (FIPSAS, ARCI, Aveto, Trebbia) adibite a Riserve Turistiche che restano aperte alla pesca e già ripopolate autonomamente dal gestore. Per Giacopiane, si conferma ancora l’impraticabilità per il ghiaccio e quindi la FIPSAS non vi prevede semine almeno sino a Pasqua, mentre il Lago di Pian Sapeio (Giacopiane piccolo), resta chiuso alla pesca per tutto il 2012, a seguito del decreto provinciale istituito per le opere di svaso e regimazione idraulica, che attualmente non risultano ufficialmente ancora ultimate da Tirreno Power. Nelle competenze FIPSAS, vi è anche il lago Malanotte, già ripopolato due volte con fario, salmerini e iridee ed aperto alla pesca tutti i giorni con tessera o permesso annuale. Alle operazioni di semina della Provincia, oltre ai volontari locali, parteciperanno i guardia pesca rappresentanti le Associazioni (FIPSAS, ARCI, ENAL, AILPS) che metteranno a disposizione anche le cisterne per il trasporto e collaboreranno anche al controllo del territorio in coordinamento con la Polizia Provinciale e Corpo Forestale.

 

PIANO DI DISTRIBUZIONE: vediamo nel dettaglio le semine divise per giornate, quantità e bacini.

• MARTEDI 13 MARZO – zone Trebbia – Brugneto – Aveto:

480 Kg di trote fario Torrente Trebbia – dal ponte per Fontanarossa al Ponte per Moglia, dal Ponte di Moglia al Ponte a Valle dei Due Ponti, tra i due Ponti in loc. Due Ponti (zona di allenamento dove viene destinato il 5% del quantitativo destinato al Trebbia); escluso il tratto della turistica e i 500 metri a monte della stessa;

400 Kg di trote iridee nel Lago del Brugneto

250 Kg di trote fario Torrente Aveto dalla confluenza con il T. Ventarola e il ponte di Molini, escluso il tratto della riserva turistica di Cabanne nonché da 500 metri a monte e a valle della stessa riserva.

• MERCOLEDI 14 MARZO – zona Masone: 480 kg IRIDEE

– 80 kg. T. Gorsexio (dal cotonificio alla confluenza con il T. Acquasanta)

-80 kg. T. Acquasanta (dalla confluenza del Torrente Ceresolo fino alla cartiera del Travo),

– 70 kg. T. Lerone (dalla confluenza con il Lerca a valle)

– 100 kg. T. Stura (Paese di Masone e Campoligure)

– 80 kg. T. Cerusa (da loc. Fiorino a valle)

– 60 kg T. Orba (dal ponte a confine con la Provincia di Savona sino al rio Gerla

– 70 kg T. Rumaro

– 100 kg. T. Varenna (dal ponte della Madonetta alla confluenza con il Rio Cantalupo)

 

• GIOVEDI 15 MARZO – Zona LEVANTE Carasco, h. 08.00

610 Kg di trote iridee, così divise:

kg. 200 T. Lavagna da (dalla confluenza del T. Neirone a loc. Ferriere di Lumarzo, e da

confluenza del T. Moconesi al ponte per Rivarola e tratti turistiche ex FIPSAS);

kg. 240 T. Bisagno (dalla ex cava di ardesia in località Trapena al ponte della Paglia e dalla

confluenza tra Torrente Bisagno e il Rio Rolla (o Eo) a monte sino al lago della Polveriera)

kg. 90 T. Graveglia (da 500 metri a valle del ponte per Sanbuceto sino confluenza con l’Entella)

kg. 80 T. Petronio

360 kg di fario (rimborso svasi Tirreno Power)

kg. 280 T. Sturla (dalla confluenza del T. Lavagna a Borzonasca)

Kg 80 T. Malvaro (da confl. Lavagna a salire sino a ponte bivio per Lorsica)

 

VENERDI 16 MARZO 2012 – Zona Busalla, 1425 Kg di trote iridee

70 kg. T. Riccò (da ponte rosso in loc. Mignanego a valle fino alla confl. con il T. Verde)

90 kg T. Verde (da valle della cartiera (ponte) alla confl. con il Rio S.Martino)

30 Kg T. Polcevera da confluenza Riccò a Ponte Forestale

650 kg T. Scrivia (da Laccio a Isola del Cantone escluse le riserve)

50 kg T. San Martino, 35 kg T. Pernecco, 50 kg nel Brevenna

100 kg L. Busalletta, 150 kg L. Val Noci, 100 kg Lago Bruno, 100 kg. Lago Savio (rimborso

svaso)

 

Comunicato stampa: Fi.Ma Chiavari (A cura di Umberto Righi)

Ricordiamo che se ti interessano video di pesca puoi seguire Pesca TV.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *